Alzheimer

Piccole tappe

Passi 0.4 – Piccole tappe

RICOMINCIARE CON L’ALZHEIMER Piccole tappe “Ogni azione, semplice o complessa, può essere con utilità spezzettata in piccole tappe“ Semplificare in piccoli passaggi rende più facile lo svolgimento anche a chi fatica a comprendere la completezza dell’azione e, nello stesso tempo, ci aiuta a renderci conto di quante insidiose difficoltà possano nascondersi nello svolgere un processo apparentemente banale.Saper cogliere di quanti piccoli passi è costituita un’azione ci aiuta a calibrare le richieste e a comprendere possibili difficoltà.Basta provare, e scopriremo che…

0
Read More
Le parole hanno un peso

Passi 0.3 – Il peso delle parole

RICOMINCIARE CON L’ALZHEIMER Il peso delle parole “Le parole hanno consistenza, hanno un peso e possono cambiare la realtà!“ Nella relazione con una persona affetta da demenza – ma non solo…!- la capacità di scegliere le parole può aiutare a cambiare anche in maniera consistente la relazione e a gestire eventuali apparenti disturbi comportamentali.Quello che dico incide, una mia frase può cambiare non solo una situazione, ma a volte tutta una giornata.Quanto è importante educarsi alla consapevolezza di quello che…

0
Read More
Dove, quando e con chi

Passi 0.2 – Dove, quando e con chi

RICOMINCIARE CON L’ALZHEIMER Dove, quando e con chi “O ci mettiamo in gioco, chiedendoci qui, ora e con questa persona che cosa può fare bene, oppure sarà inutile leggere dozzine di libri.“ La soluzione nella cura della persona con Alzheimer ci coinvolge direttamente, non può venire solo “da fuori”.Non si tratta di trovare la formuletta magica nella medicina azzeccata, nella frase giusta da dire, nell’assistente geniale o nella regola corretta da applicare Siamo in gioco noi, con tutto noi stessi,…

0
Read More
Somministrare le parole

Passi 0.1 – Somministrare le parole

RICOMINCIARE CON L’ALZHEIMER Somministrare le parole “Si tratta di somministrare le proprie parole e le proprie azioni quasi come se fossero medicine, scegliendo di volta in volta quelle che riteniamo più funzionali, consapevoli della loro efficacia e dei loro possibili… effetti collaterali” La nostra persona, i nostri gesti e soprattutto le nostre parole, se usati consapevolmente e in modo ragionato, diventano veri e propri strumenti di cura per una persona affetta da demenza. Una frase, una risposta, anche solo una…

0
Read More
Risposta in Eco

Sulla Risposta in Eco con un anziano affetto demenza di grado severo

CONVERSAZIONI CAPACITANTISulla Risposta in Eco con un anziano con demenza di grado severo Quando la demenza è di grado severo può sembrare impossibile o inutile avviare una conversazione e spesso si tende a rifugiarsi nel solo linguaggio non verbale per entrare in contatto.Eppure, calibrando con sapienza l’ascolto e la scelta delle parole, anche quando apparentemente la comunicazione tramite il canale verbale sembra impossibile si possono aprire squarci di dialogo che fanno stare bene. Parlare è un’attività tipica dell’essere umano e…

0
Read More
Alzheimer,badanti e altre creature leggendarie

Alzheimer, badanti, caregiver e altre creature leggendarie

UN LIBRO IN SEI DOMANDEAlzheimer, badanti, caregiver e altre creature leggendarie Continua la rubrica UN LIBRO IN SEI DOMANDE.Scegliamo libri significativi che trattano di anziani e di problematiche ad essi collegate e chiederemo agli autori di presentare la propria opera rispondendo brevemente a sei semplici domande, sempre le stesse, che possano dare un’idea del loro lavoro.Creare cultura sul mondo degli anziani passa anche dal tempo dedicato a leggere, studiare, approfondire tanta ricchezza che già esiste, senza fermarsi a slogan superficiali…

0
Read More
L'altro volto dell'Alzheimer

L’altro volto dell’Alzheimer

UN LIBRO IN SEI DOMANDEL’altro volto dell’Alzheimer Iniziamo oggi una nuova rubrica: UN LIBRO IN SEI DOMANDE.Sceglieremo libri significativi che trattano di anziani e di problematiche ad essi collegate e chiederemo agli autori di presentare la propria opera rispondendo brevemente a sei semplici domande, sempre le stesse, che possano dare un’idea del loro lavoro.Creare cultura sul mondo degli anziani passa anche dal tempo dedicato a leggere, studiare, approfondire tanta ricchezza che già esiste, senza fermarsi a slogan superficiali o a…

0
Read More

“Preferisco morire piuttosto che restare così”

“Preferisco morire piuttosto che restare così che non mi ricordo niente” Ho ricevuto da Gianfranco Calbucci questa email, con la richiesta di condividerla sul sito. Lo faccio volentieri e aspetto anche altri commenti. Salve Dr Stefano, vorrei sottoporre a Tua attenzione una mia relazione osservativa su un anziano affetto da demenza vascolare che ho assistito al suo domicilio tra il 2015 ed il 2017.Quando sostengo che i malati di demenza o Alzheimer si rendono conto del loro disagio anche se…

10
Read More
CONTATTI

Stefano Serenthà
via Achille Grandi 41 – 20845 Sovico (MB)
c.f. SRNSFN70H25F704R
p.IVA 10210440961

+393285688023

CONTATTAMI

VISITE GERIATRICHE
CONTATTI SOCIAL