LA TREGUA DI NATALE



Piccolo miracolo della notte di Natale del 1914, quando tra le trincee dei soldati tedeschi e quelle dei soldati inglesi cominciarono a risuonare in modo imprevisto luci e canti di pace. Per una notte la guerra non era più padrona delle loro vite e ciò che davvero conta era esploso dentro le persone.

Tante volte anche nelle nostre guerre quotidiane nello stare vicino a persone anziane in difficoltà abbiamo bisogno di una tregua: dalle fatiche dell’invecchiamento (quelle di chi ci sta vicino ma anche le nostre), dall’agitazione e i disturbi comportamentali di chi è affetto da demenza, dall’insonnia, dalle lamentele per i dolori, dall’umore sempre depresso di chi vorremmo più riconoscente…

A volte stare vicino a un anziano ammalato diventa una piccola guerra.
Nella notte di Natale del 1914 non è stato ordinato da nessuno di cessare il fuoco: semplicemente qualche piccolo grande uomo, di sua iniziativa, ha iniziato un canto di pace e piano piano la cosa si è diffusa.

Auguro a ognuno, anche nei momenti di grande difficoltà, di trovare il coraggio di un piccolo canto di pace: non cesseranno tutte le difficoltà, ma troveremo il modo di seminare un briciolo di serenità, magari contagiosa, smettendo di lottare e accogliendo con la nostra umanità anche le situazioni più difficili.

Piccolo miracolo nella notte di Natale del 2021.